Il Cammino di Santiago: curiosità che forse non conosci

cammino di santiago curiosità

Scopri il significato di alcune parole che sentirai solo durante il Cammino di Santiago

spagnolo per viaggiare parole

Durante il meraviglioso Cammino di Santiago di Compostela ti imbatterai in parole e cose mai sentite e viste.
Ho redatto quindi per te una piccola guida per affrontare il Cammino, un viaggio unico che ti resterà nel cuore per il resto della vita. Se ti va di scoprire cosa mi ha spinto ad intraprendere questo viaggio leggi qui la mia esperienza.

IL DIZIONARIO DEL CAMMINO DI SANTIAGO

COSA SIGNIFICA ULTREYA?

conchiglia simbolo Cammino Santiago
La conchiglia simbolo del Cammino di Santiago

“Ultreya!” I pellegrini che incontrerai lungo il camino si rivolgeranno a te con questa parola. Si tratta di una forma di saluto ed incoraggiamento che significa “andiamo avanti“. Dovrai rispondere con “Et suseia” per dire “andiamo più in alto!”. Le relazioni che instaurerai con gli altri pellegrini sono una delle esperienze più belle di questo pellegrinaggio. Lungo il cammino conoscerai tantissime persone, di ogni età, provenienza geografica e cultura, ognuna spinta da una motivazione diversa.

COSA SONO LE CONCHAS?

Lungo le stradine sperdute della Spagna troverai tantissime decorazioni con conchiglie (conchas), il simbolo più noto del Cammino de Santiago. La conchiglia stessa ti indicherà la strada da seguire come anche le freccie gialle. Ma perchè la conchiglia simboleggia il Cammino di Santiago di Compostela? In passato, i pellegrini che rientravano dal Cammino di Santiagoportavano con sé una conchiglia rac colta sulle sponde della Galizia come prova di aver compiuto il Cammino e di essere giunti a destino. Non c’erano selfie che potessero attestare la cosa.

humilladeros pietre cammino santiago
Gli humilladeros

COSA SONO GLI HUMILLADEROS?

Lungo il Cammino di Santiago, oltre alle conchiglie, troverai tantissimi humilladeros ovvero cumuli di pietre ai lati delle stradine e dei sentieri. Sono un segnale che i pellegrini lasciano al loro passaggio e simboleggiano atti di penitenza. Un vero e proprio sacrificio di portare pietre più o meno pesanti, sulla base del ‘peccato da redimere’. Il peso sulle spalle di questo pellegrinaggio non è quindi solo quello dello zaino ma anche quello della propria vita.

COSA SONO LA CREDENZIALE E LA COMPOSTELA?

La credenziale del pellegrino
La credenziale del pellegrino

La Credenziale, o Charta Peregrini, è il cartoncino pieghevole che vedi in foto. Qui vi farai apporre i timbri, i cosidetti sellos, degli ostelli, ristoranti, luoghi religiosi, negozi e tutti i luoghi in cui ti fermerai durante il percorso, a prova dei km percorsi. Perchè il cammino ti venga riconosciuto dovrai percorrere almeno 100km a piedi o 200km se decidi di farlo in biciletta o a cavallo.

Ti consiglio di richiedere la Credenziale già dall’Italia, prima di partire, su questo sito della Confraternita di San Jacopo che provvederà a spedirtelo a casa. Ma se ti sei dimenticato non disperare! Puoi chiedere la Credenziale alla prima tappa del tuo cammino nel centro informazioni.

Una volta completato il cammino e arrivato a Santiago recati all’Officina del Pellegrino, mostra la Credenziale con tutti i timbri che attestano il tuo percorso e ti verrà consegnata la Compostela. La Compostela è il documento che attesta il completamento del Cammino di Santiago di Compostela.

PERCHE’ CI SI INCHINA AI PIEDI DI RE DAVID?

Quando giungi a Santiago de Compostela recati alla Porta di Plaza de Platerias. Qui vedrai delle persone che toccano i piedi della statua (estatua) di Re David. Come da tradizione, chiedigli che i tuoi piedi ti permettano di tornare ancora (volver) a Santiago.

Sei pronto a partire per questa magnifica avventura? Continua la scoperta del Cammino di Santiago di Compostela con questo articolo dove ti mosto il cammino che ho scelto e ho percorso in una settimana.

Ora non mi resta che augurarti…Buen Camino!

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo con i pulsanti qui sotto e aiutami a far conoscere il Cammino di Santiago e le sue peculiarità. Grazie!