Sentieri & Attività alla Pietra di Bismantova e dintorni

pietra di bismantova cosa fare

Scopri con me la Pietra di Bismantova, il più famoso massiccio degli Appennini in provincia di Reggio Emilia. La Pietra di Bismantova e la zona circostante dell’appennino reggiano è ricca di sentieri e attività che ti faranno scoprire l’unicità di questa zona dell’Emilia Romagna. Ecco i miei consigli su cosa fare alla Pietra di Bismantova e dintorni.

TREKKING ALLA PIETRA DI BISMANTOVA: I SENTIERI PER RAGGIUNGERE LA MONTAGNA DI DANTE

Pietra di Bismantova Reggio
La Pietra di Bismantova

Puoi scoprire gli appennini reggiani e la Pietra di Bismantova con escursioni a piedi, in bici o a cavallo. Molti sentieri sono semplici per tipologia di terreno e lunghezza quindi perfetti anche per i bambini più piccoli.

Durante la mia escursione alla Pietra di Bismantova con il mio duenne Ludovico ho scelto il percorso di salita da Piazzale Dante, che si trova ai piedi della montagna e dove è presente parcheggio dove lasciare la propria auto, moto o camper. Al link in azzurro che segue puoi leggere la mia esperienza completa e tanti consigli utili per un escursione con bambini alla Pietra di Bismantova. Ti rimando comunque al sito ufficiale dove potrai scoprire altri sentieri per raggiungere la sommità della Pietra di Bismantova.

ARRAMPICATE E FERRATE ALLA PIETRA DI BISMANTOVA: AVVENTURE ADRENALINICHE

La Pietra di Bismantova è una tra le pareti più interessanti degli Appennini per chi è alla ricerca di arrampicate e ferrate. Famosissima e bellissima è la via ferrata CAI 699 che porta alla sommità e permette di godere di una vista mozzafiato sulla pianura reggiana. Se sei curioso e vuoi avvicinarti a questo sport, ti consiglio di contattare il centro CAI più vicino a te che organizza sempre molte escursioni, per i più o meno esperti.

LA MADONNA DELLA PIETRA E IL MISTERO DEL DIAVOLO

Ai piedi della Pietra di Bismantova troverai il piccolo ma suggestivo eremo della MADONNA DELLA PIETRA. Questo eremo benedettino, incastonato nella rocce, è meta di pellegrinaggi già dal 1617 ed è un luogo avvolto nel mistero. Ti consiglio di leggere questo articolo dove parlo del mistero che avvolge la Pietra di Bismantova, chiamata anche la Pietra dei Suicidi. Si dice che il Diavolo fosse (o sia) qui di casa.

  • DEGUSTAZIONE DI PRODOTTI TIPICI DEL TERRITORIO. Parlo ovviamente del Re, il Parmigiano Reggiano ma anche di salumi tradizionali come il salame e la coppa. Puoi assaporare qualcosa di delizioso al Rifugio della Pietra che proprio si trova all’inizio della salita verso la sommità della Pietra di Bismantova oppure ti consiglio di prenotare alla Tana del Lupo a Castelnovo ne’ Monti. Tipico della zona è anche l’aceto balsamico (più tipico di Modena ma anche della zona di Reggio) quindi potresti unire la visita alla Pietra con una visita all’acetaia. L’acetaia Il Vascello del Monsignore dista solo una ventina di minuti dalla Pietra di Bismantova.
Parmigiano reggiano emilia romagna
  • GESSI TRIASSICI: A sud della Pietra di Bismantova puoi visitare i gessi triassici, tra le rocce più antiche dell’Appennino (hanno oltre 200 milioni di anni!). Sono rocce di origine evaporitica di oltre 200 milioni di anni e sono riconosciute come area di interesse comunitaria. Quest’ escursione è perfetto per visitarle in abbinata alla Pietra.
  • CARPINETI & LA PANCHINA GIGANTE: a 20 minuti di auto dalla Pietra di Bismantova si trova Carpineti e il Monte Fosola. In cima ammirerai la Pietra di Bismantova da una prospettiva privilegiata e troverai anche una delle famose panchine giganti. Non ne hai mai sentito parlare? Si tratta di un’iniziativa chiamata Big Bench Community Project, nata del designer statunitense Chris Bangle per sostenere le comunità locali dei paesi in cui si trovano queste panchine giganti. Principalmente si trovano solo nel Nord Italia come puoi vedere qui. La cosa carinissima è che esiste un vero e proprio passaporto, al costo di 6 euro a vidimazione, che attesta la visita di una delle panchine del circuito. Nel caso del Fosola, devi fare riferimento all’albergo-ristorante Aquila Nera di Felina per registrare la visita. Scarica qui l’app per trovare le panchine giganti attorno a te e scopri i panorami mozzafiato italiani.
Panchina Gigante di Fosola
La panchina gigante del Monte Fosola Ph credit: Big Bench App
  • CASTELNOVO NE’ MONTI: Puoi fare una passeggiata nel centro storico di Castelnovo ne’ Monti, di origine medievale. Il mio parere personale? Carino ma non mozzafiato. Il Palazzo Ducale, oggi sede del Comune, ha di bello solo il nome (concedetemi la sincerità). La Pieve, di origine romanica, invece è carina e si trova su un colle ai margini dell’abitato. Piuttosto ti consiglierei di dedicare un po’ di tempo a Monte Castello, Monte Bagnolo e Monte Forco, le tre pinete che caratterizzano il centro, ricche di percorsi ed itinerari. A Monte Bagnolo c’è anche un piccolo parco giochi per i bambini. A Monte Castello, invece, potrai vedere la fortificazione di epoca matildica, che dà anche il nome al paese.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.